AMISH The REUNION


youtube
spotify
facebook
instagram
tiktok
Amish Anni 90

AMISH The Reunion 2023

img_0489.jpeg

AMISH The Reunion


youtube
spotify
facebook
instagram
tiktok

youtube
spotify
facebook
instagram
tiktok

Salvo Longo - Emanuele Bella - Giovanni Giuffrida 

Info: g.giuffridax@gmail.com

Follow us:

Amish

youtube
spotify
facebook
instagram
tiktok

The Reunion

Salvo Longo autore e cantante degli Amish

L'idea di ritornare a suonare insieme dopo tanti decenni era presente in ciascuna delle nostre menti, con coraggio un giorno ne parlammo e capimmo che i tempi erano maturi per proporre una Reunion artistica che come sempre potesse parlare di noi, attraverso la nostra musica.

 

Per precedenti impegni il chitarrista storico della band Fabio Ortu sceglie di non partecipare a questa Reunion ma il resto della band decide ugualmente di salire sulla carrozza degli “Amish” ed insieme compiere questo viaggio musicale che prevede la pubblicazione fra il 2023/2024 di un album di inediti, un docufilm sulla storia della band e una sorpresa finale …

 

 

Amish The Reunion

Fu così che da 14 elementi restarono in 3 e Giovanni, Emanuele e Fabio Ortu diedero vita ad un nuovo percorso che potesse proiettare la loro musica liberamente.

 

Si ritrovarono senza cantante e dopo una vacanza estiva Giovanni Giuffrida invitò Salvo Longo a fare parte di questa band.

 

Salvo era perfetto: una persona matura, scriveva canzoni, aveva un sano approccio alla fase creativa e suonava la chitarra!

 

Immediatamente divenne la voce del gruppo e indiscusso front-man.

 

La storia degli Amish è costellata da episodi, brani inediti e cover che hanno cesellato la giovinezza di ciascun componente della band in una Catania degli anni novanta dove a farla da padrona era soltanto la musica inedita di band o artisti che si esibivano in live nei pub, nelle piazze, nei teatri, in tv.

 

E noi?

 

Noi c'eravamo!

La storia degli Amish parte da un gruppo musicale giovanile di animazione liturgica nella parrocchia di San Paolo di Acireale nei primi anni 90. Ben presto il numeroso gruppo dei ragazzi che animano le attività della parrocchia si trova davanti ad una decisione da prendere: gli Amish non potevano esibirsi fuori dai locali della chiesa né tanto meno organizzare concerti od eventi che non avessero come fine ultimo quello della condivisione della preghiera.

 

Davanti a questo “out out”, Giovanni Giuffrida il fondatore degli Amish mette ai voti la decisione di restare o andare!

Salvo Longo

Salvo Longo Cantante degli Amish

Salvo Longo è la voce degli Amish e insieme a Giovanni Giuffrida è anche la penna compositiva della band. Il suo ruolo era cantare, comporre, scegliere i brani, studiare le scalette, trovare la strategie comunicative ed espressive efficaci e in linea con le esigenze artistiche della band.

Salvo ha scritto tantissimi brani, quasi tutti autobiografici e molto richiesti durante i nostri concerti dove si alternavano brani inediti con cover di altri artisti.

La vocalità e l'espressività di Salvo è di tipo cantautorale, quando canta lo stai a sentire senza accorgertene come avesse una calamita nascosta dentro il timbro della  voce e nelle sue intenzioni. 

Il suo ingresso segna e dà il via al periodo migliore degli Amish.

Amico, prezioso e raro! 

Il suo lato compositivo autorale è stato ereditato e assorbito dagli Amish nel proprio DNA artistico.

Emanuele Bella batterista degli Amish

Lelè Bella

Lelè ha un talento prodigioso, il suo groove e la sua perfezione nell'esecuzione erano un punto di riferimento per gli Amish. 

 

Molto spesso sui brani inediti proponova due, tre diversi tipi di soluzioni ritmiche poichè la sua creatività e la sua voglia di mettersi in discussione premiavano sempre i nostri brani. 

 

La sua mitezza, generosità e semplicità disarmante erano e sono rimaste il punto di forza non solo della persona ma anche dell'artista. Splendida voce a supporto di strofe e cori, lucidità nell'approccio dei brani e tanta, tanta voglia di esserci e suonare il proprio tempo!

 

 

Giovanni Giuffrida autore e tastierista degli Amish

Giovanni Giuffrida

La mia unica e sola band si chiama “Amish” nonostante ne abbia attraversate tante. Salvo, Emanuele e Fabio sono pezzi di cuore di un tempo nel quale ho potuto attraversare la mia giovinezza nel migliore dei modi: amicizia, musica e amore e tanta tantissima serenità. Fin dalla fine degli anni ottanta la mia idea era quella di comporre brani inediti e di scrivere, cantare e suonare il mio tempo, l'idea di cantare canzoni di altri artisti mi solleticava ma non era la strada che volevo intraprendere e che non ho mai intrapreso. Fui fortunato, una serie di eventi e circostanze ci portarono a trovarci insieme, ciascuno con il proprio carattere e la propria personalità. La verità è che gli Amish non hanno mai litigato fra loro, ci volevamo bene e volevamo bene alla nostra musica. In questo contesto ho imparato a scrivere canzoni, a condividerle, perfezionarle, studiarle, cestinarle. Sentire il pubblico che canta un tuo brano è qualcosa di bello ed emozionante, un allineamento della tua anima con il resto del mondo “Gli Amish li ho creati io!”, come direbbe il buon Pippo Baudo e sono fiero ed orgoglioso di ciascuno di loro e di noi e questa reunion è un eterno abbraccio!

Amish la formazione iniziale

Racconta Giovanni Giuffrida

Le origini degli Amish…

In questa foto una delle primissime formazione degli Amish. La foto ci ritrae al Collegio "Spirito Santo" di Acireale inizi anni 90 quando ancora suonavamo come gruppo di animazione musicale della parrocchia San Paolo di Acireale. 

 

La prerogativa degli Amish era quella di poter cantare brani inediti, nessuna cover o brani ecclesiastici…le nostre canzoni dovevano parlare dei nostri stati d'animo.

 

Dopo questo evento mi resi conto che suonare i nostri brani inediti era qualcosa di unico e magico e proiettava esattamente la nostra dimensione umana. 

Anche se acerba cominciava a muoversi un'anima artistica. 

 

Ho un ricordo indelebile di ciascuna persona presente in questa foto, ciascuno faceva la sua parte.

Ben presto iniziammo a consolidare qualche applauso, tanti apprezzamenti e nell'ambito giovanile eravamo un gruppo musicale che ben si distingueva dai soliti gruppi parrocchiali proprio per la nostra forte connotazione creativa.

 

Il Consiglio Pastorale della Parrocchia San Paolo di Acireale, benevolmente attraverso il parroco Don Carlo Chiarenza, ci comunicò che visto il nostro "DNA" parrocchiale eravamo tenuti a comunicare e dar conto delle nostre idee, iniziative, far pervenire per tempo i testi dei nostri brani, proprio perchè al nostro nome era legato indissolubilmente quello della Parrocchia e c'erano delle regole che noi non seguivamo come quella che potevamo esibirci solo in animazioni musicali inerenti l'ambito pastorale, oltretutto ci chiesero di cambiare anche il nome del complesso, poichè “Amish” non si addiceva al contesto nel quale eravamo nati ne quello che rappresentavamo.

 

Insomma…chi chiesero conto e ragione ma non direttamente, ne parlarono in consiglio con Don Carlo il quale mi riferì l'accaduto.

Don Carlo Chiarenza con estrema chiarezza e fermezza mi chiese di portare queste riflessioni proprio con a tutti i ragazzi che facevano parte di questo gruppo di animazione musicale e prendere una scelta e una strada da percorrere tenendo conto quello che il Consiglio aveva chiesto.

 

Così radunai tutti i partecipanti intorno ad un tavolo e spiegai loro come dovevamo raddrizzare il tiro e chiesi a ciascuno di loro cosa volessero fare, quale strada volevano inseguire.

Ne parlammo tutti insieme e ciascuno di noi prese la propria decisione e da un gruppo di animazione musicale parrocchiale formato di una ventina di ragazzi, molti di loro decisero che non volevano lasciare gli ambienti parrocchiali e seguire quel tipo di indicazione che il Consiglio aveva chiesto. 

Da un gruppo di 20/25 elementi rimanemmo in tre: Giovanni Giuffrida, Emanuele Bella e Fabio Ortu e senza rendercene conto erano nati gli Amish senza un cantante, qualche mese dopo arrivò Salvo Longo e il nostro complesso era nato!

 

Nella foto da sinistra:

Mariateresa Sola - Voce / Alfio Pennisi - Voce / Teo Pulvirenti - Voce e Autore / Fabio Ortu - Chitarra / Carla Sorrentino - Voce / Giuseppe Pennisi - Chitarra acustica

 / Giovanni Giuffrida - Tastiere ed Autore / Salvatore Licciardello - Basso